Comunicati Stampa

Il Gruppo presenta un’applicazione per il risparmio idrico, droni per il controllo delle reti a zero emissione di Co2 e nuovi progetti sulla realtà aumentata.

Per l’ottavo anno consecutivo Acea partecipa e sostiene “Maker Faire di Roma – The European Edition”, il luogo in cui imprese, scuole, università, centri di ricerca e innovatori si incontrano per presentare i propri progetti e condividere le proprie conoscenze. La manifestazione, che è la più importante iniziativa europea family-friendly dedicata all’innovazione e alle nuove tendenze della tecnologia, è diventata per Acea un appuntamento importante e l’occasione per ribadire ogni anno l’impegno dell’azienda su questi temi. Durante le tre giornate della IX edizione, che a partire da oggi si svolge a Roma presso il Gazometro Ostiense, Acea presenterà alla comunità di makers e startuppers di tutta Italia, le soluzioni più innovative di industry 4.0 applicate alle proprie infrastrutture e aree industriali.

“L’innovazione è uno dei pillar del Piano industriale ACEA a cui sono stati destinati 615 milioni di investimenti -ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Acea Giuseppe Gola- e rappresenta una leva fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità che sono alla base dei nostri business. Nella gestione delle reti idriche ed elettriche fino al waste management, l’innovazione è un fattore chiave e abilitante su cui l’azienda punta per sviluppare nuovi progetti e per la trasformazione digitale delle città, facendole evolvere in smartcity”.

Presso lo stand del Gruppo, sarà possibile sperimentare le nuove frontiere della Realtà Aumentata tramite il visore Microsoft Hololens 2 che permette a questa nuova tecnologia di esprimere tutto il suo potenziale. I visitatori potranno provare la nuova app dal disegno libero tridimensionale per fare esperienza delle possibilità che il dispositivo e la tecnologia permettono. Acea infatti vuole dare a tutti la possibilità di immergersi in quella che sarà la tecnologia del futuro per immaginarne gli infiniti utilizzi.

Per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro, Acea presenta un progetto sviluppato in collaborazione con BeamDigital. Tramite un “Workers watch”, uno smart watch in dotazione al personale di cantiere, è possibile allertare i dipendenti sui possibili rischi nei quali possono incorrere in caso di mancato o errato utilizzo dei dispositivi di sicurezza a loro assegnati. Il progetto prevede inoltre l’installazione di sensori specifici utili a monitorare l’insorgere di eventuali situazioni di rischio nei luoghi di lavoro.

Sul versante delle soluzioni del monitoraggio evoluto, la proposta è GIMMI, “Gestione Ispezioni Massive e Mirate Infrastrutture”, un processo innovativo per ottimizzare l’attività di monitoraggio delle interferenze vegetali ed antropiche sugli impianti elettrici. Grazie alla combinazione di tre tecnologie (droni, satelliti e Intelligenza Artificiale), questo tipo di attività di ispezione contribuisce a ridurre l’immissione di Co2 nell’atmosfera.

Per quanto riguarda il settore idrico, Acea è presente con Waidy Wow la app che rende “smart” nasoni e case dell’acqua, con uno sguardo attento alla sostenibilità. Questa applicazione incentiva l’utilizzo dei contenitori refill e contribuisce alla riduzione della plastica monouso, oltre a invitare ad un uso responsabile della risorsa idrica. La app, inoltre, grazie alla geolocalizzazione di circa 6.000 punti di erogazione di acqua potabile, situati nei territori serviti dal Gruppo, consente di visualizzare in tempo reale quelli più vicini e di conoscerne la storia.