Il Codice Etico raccoglie i principi e le regole di comportamento ai quali devono essere ricondotte le pratiche aziendali, in grado di garantire la correttezza e la trasparenza, l’affidabilità e la reputazione di Acea. Gli organi sociali, il management, i dipendenti, i collaboratori esterni e ogni altro soggetto che cooperi con il Gruppo Acea deve osservare tali principi, ciascuno nell’ambito delle proprie funzioni, competenze e responsabilità.
Nel 2018, con un lavoro congiunto delle strutture aziendali coadiuvate da esperti esterni, è stato realizzato l’aggiornamento dei contenuti del Codice, per coniugare i valori identitari aziendali con le esigenze determinate dai nuovi obiettivi strategici del gruppo e dalla dinamicità del contesto esterno. Tra gli aspetti introdotti o rafforzati, si evidenzia:

  • la previsione di una modalità di aggiornamento del Codice aperta al contributo attivo di tutti gli stakeholder, per segnalare carenze o punti di miglioramento
  • la valorizzazione delle diversità e la promozione di indagini per monitorare il benessere organizzativo
  • l’introduzione del principio di precauzione in caso di pericoli anche potenziali per la salute e l’ambiente
  • l’impegno a gestire i processi produttivi valorizzando l’economia circolare

Acea si impegna a promuovere la diffusione del Codice Etico, e a svolgere un’attivitàdi sensibilizzazione dei suoi contenuti. L’osservanza del Codice è infatti di importanza fondamentale per il perseguimento degli obiettivi di sviluppo ed efficienza, per l’affidabilità dell’impresa, per la salvaguardia della sua reputazione e per il contributo che Acea intende fornire al contesto sociale e ambientale in cui opera. Acea, anche attraverso il Comitato per l'Etica e la Sostenibilità, vigila sull’osservanza del Codice e predispone adeguati strumenti e procedure di prevenzione e controllo per assicurare la trasparenza delle attività e dei comportamenti adottati, intervenendo anche con azioni di miglioramento continue.