L’energia solare per
uno sviluppo sostenibile

Nella storia dell’uomo il sole ha sempre avuto grande importanza: per molte culture antiche è stato una divinità da adorare, secoli dopo i Romani ne hanno compreso le potenzialità per produrre calore all’interno delle serre imperiali, lo stesso Leonardo Da Vinci elaborò uno specchio in grado di asciugare le stoffe grazie al calore prodotto dall’energia solare. Da sempre quindi fondamentale per lo sviluppo della vita sulla terra, oggi è utile anche per produrre energia pulita.

L’energia solare è una fonte energetica sostenibile e potenzialmente infinita: il sole fornisce ogni 50 minuti la quantità di energia che potrebbe soddisfare il fabbisogno energetico globale di un intero anno

Esistono diverse tecnologie per catturare la potenza del sole: il solare termico, che capta il calore, e il fotovoltaico, che trasforma l’irradiazione in elettricità.

Quest’ultima tecnologia, nata quasi 150 anni fa ma industrializzata solo a partire dagli anni 50, è cresciuta nel 2019 del 24% e rispetto a 10 anni fa costa circa l’80% in meno. In particolare, in Italia, l’energia elettrica green prodotta, quindi da fonti rinnovabili, è stata di 115 TWh e il fotovoltaico ne ha coperto il 20% con una produzione di circa 24 TWh: la maggior parte degli impianti sono di taglio industriale e si trovano nelle regioni del nord e centro.

Come funziona la tecnologia del fotovoltaico?

L’impianto fotovoltaico consente di convertire la luce del sole in elettricità grazie a:

  • i pannelli fotovoltaici
    con all’interno cellule di silicio, un semiconduttore che all’esposizione della luce produce elettricità.
  • l’inverter
    un dispositivo che converte la corrente generata dai pannelli in corrente alternata per l’utilizzo domestico.
  • un sistema di controllo
    che monitora il funzionamento dell’impianto e rende disponibile tutta l’energia producibile.
Infografica - Funzionamento impianto fotovoltaico

Il fotovoltaico nel Gruppo Acea

“Se Archimede, 2300 anni fa, usava l’energia solare per bruciare le navi romane che assediavano Siracusa, oggi Acea ne fa un uso meno teatrale ma sicuramente all’avanguardia per produrre energia pulita e sostenibile per l’ambiente.” racconta Simone Nunzio Sammartino, Responsabile Asset Management Fotovoltaico di Acea Produzione.

Il Piano Industriale 2020-2024 del Gruppo, infatti, è focalizzato in gran parte al rafforzamento della produzione energetica da fonti green, in particolare di energia solare derivante dal fotovoltaico, a sostegno della decarbonizzazione e della transizione energetica.

Crescita e creazione di valore sono per Acea strettamente correlate al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità ambientale. Il Piano Industriale di Acea prevede 4,7 miliardi di euro di investimenti complessivi, di cui ben 2,1 miliardi – oltre 400 milioni di euro in più rispetto al Piano precedente – sono riferibili a specifici target di sostenibilità.

Tra questi, il contrasto agli effetti del cambiamento climatico, attraverso l’incremento della produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici. Su questo punto in particolare, Acea punta a incrementare il proprio portafoglio con circa 747 MW di potenza installata da impianti fotovoltaici a fine 2024. I nuovi impianti avranno a regime una produzione di oltre 1,3 TWh annui, pari a circa 600 kt di emissione di CO2 evitata.

L’elettricità prodotta dal Gruppo Acea nel 2020

916
GWh (lorda)
l’energia elettrica prodotta da Acea
68%
l'elettricità derivata da fonti rinnovabili
75
GWh
di energia prodotta dal fotovoltaico Acea

Acea gestisce impianti fotovoltaici distribuiti con maggior concentrazione in Puglia e centro Italia. La potenza complessiva installata è di circa 52MWcon una capacità di produzione di 80GWh/anno, sufficiente a coprire il fabbisogno annuale di 20 mila famiglie. “Con il nuovo piano di sviluppo arriveremo a decuplicare la capacità installata arrivando fino a una potenza in grado di produrre energia pulita attraverso strutture che utilizzano le migliori tecnologie disponibili sul mercato.” racconta Sammartino.

Un nuovo modo di pensare l’energia

Da simbolo di culto a fonte energetica, il sole continua ad aprire nuovi scenari, e molti di questi hanno la sostenibilità ambientale alla base. Con il tempo si è capito che occorre investire in nuove opportunità energetiche derivate dallo sviluppo tecnologico sostenibile: l’energia solare è una di queste.

Nel prossimo futuro il sole darà la possibilità di utilizzare elettricità 100% sostenibile derivata dagli impianti di aziende come Acea. Ma non solo. “Così come un vitigno, la produzione di un impianto fotovoltaico è stagionale, e per questa ragione vogliamo guardare al futuro prevedendo nei progetti la possibilità di conservare energia tramite sistemi di accumulo di ultima generazione, capaci di fornire energia sostenibile nei momenti di più bassa insolazione e di partecipare a pieno ai mercati di regolazione energetica. Inoltre, con approccio più avveniristico, stiamo studiando la possibilità di poter creare una vera sinergia energetica inserendo delle strutture fotovoltaiche galleggianti sopra i nostri bacini idroelettrici” precisa sempre Sammartino.
Il futuro sarà sicuramente green, e questo anche grazie al sole.