Comunicati Stampa e News

L’Azienda si riserva ogni iniziativa legale a tutela del Gruppo e dei suoi vertici

Roma, 22 marzo 2019 - Acea, in merito a quanto pubblicato oggi su Repubblica Roma nell’articolo a firma Daniele Autieri dal titolo “Le mire su Acea della cricca grillina. A Mezzacapo incarichi a fiumi”, smentisce categoricamente le fantasiose ricostruzioni riportate, destituite di ogni fondamento. Innanzitutto, mai un Consiglio di Amministrazione dell’azienda ha esaminato o discusso di un qualsivoglia documento o piano (peraltro inesistente) “per spostare la direzione generale dell’azienda a Tor di Valle, sui terreni di Parnasi”. Tutte falsità. Come lo sono quelle che attribuirebbero ai due “soci privati” una qualsiasi azione in cda volta a fermare un piano che, ribadiamo, non è mai esistito. Già una volta Repubblica Roma aveva scritto una simile fandonia che il Gruppo a suo tempo aveva prontamente e seccamente smentito. Riguardo poi gli incarichi per attività di recupero crediti conferiti all’avvocato Mezzacapo, addirittura “a fiumi” è scritto nel titolo del pezzo, questi non sono significativi ne’ per numero ne’ in riferimento all’ammontare dei crediti complessivi. A tal fine, vogliamo sottolineare come l’intera attività giudiziale di recupero crediti del Gruppo è oggi gestita da ben 23 diversi  studi legali, ai quali vengono applicate le stesse condizioni generali mediante convenzioni quadro. Inoltre, è assolutamente falso quanto scritto dall’autore dell’articolo riguardo la presunta violazione delle “linee guida del capo del legale”.

In merito a quanto sopra sottolineato e a tutte le altre illazioni, Acea si riserva ogni opportuna iniziativa legale, nelle sedi competenti, a tutela dell’azienda e dei suoi vertici.