Trattamento integrato dei rifiuti

Produrre energia dai rifiuti
Acea Official
immagine
immagine
A Orvieto in Umbria, Acea gestisce un importante polo per il trattamento dei rifiuti urbani
Web Acea
immagine
immagine
A Orvieto in Umbria, Acea gestisce un importante polo per il trattamento dei rifiuti urbani
Web Acea
immagine
immagine
A Orvieto in Umbria, Acea gestisce un importante polo per il trattamento dei rifiuti urbani
Web Acea
immagine
immagine
A Orvieto in Umbria, Acea gestisce un importante polo per il trattamento dei rifiuti urbani
Web Acea
immagine
immagine
A Orvieto in Umbria, Acea gestisce un importante polo per il trattamento dei rifiuti urbani
Web Acea
immagine
immagine
A Orvieto in Umbria, Acea gestisce un importante polo per il trattamento dei rifiuti urbani
Web Acea
immagine
immagine
A Orvieto in Umbria, Acea gestisce un importante polo per il trattamento dei rifiuti urbani
Web Acea
immagine
immagine
A Orvieto in Umbria, Acea gestisce un importante polo per il trattamento dei rifiuti urbani
Web Acea
immagine
immagine
A Orvieto in Umbria, Acea gestisce un importante polo per il trattamento dei rifiuti urbani
Web Acea
indietro
avanti

Impianto di Orvieto

Le principali attività svolte nel polo impiantistico riguardano la selezione e trattamento dei rifiuti urbani indifferenziati, la digestione anaerobica e compostaggio di qualità dei rifiuti urbani da raccolta differenziata e lo stoccaggio in discarica dei rifiuti speciali non pericolosi. Gli obiettivi principali, in linea con la normativa vigente, sono di aumentare il recupero di materia e di energia e ridurre il conferimento in discarica.

Orvieto sono presenti due impianti di produzione di energia alimentati dal biogas prodotto dalla sezione anaerobica dell'impianto di trattamento e da quello prodotto dalle discariche. Nel 2021 i rifiuti totali in ingresso al polo impiantistico sono stati pari a 108.361 tonnellate. Il 67% (circa 72.500 tonnellate) è stato smaltito in discarica e il restante quantitativo quasi totalmente inviato alla sezione di digestione anaerobica e compostaggio dell’impianto di trattamento per la produzione di biogas e compost.

La produzione di biogas per l’impiego nella filiera di produzione di energia elettrica è una delle attività di punta seguite nell’impianto di Orvieto. È un processo complesso che proviamo a semplificare in questi passaggi.

  1. I rifiuti in ingresso, ad esclusione di quelli dedicati al compostaggio, sottoposti ad un trattamento meccanico biologico per ottenere il recupero di alcuni materiali.
  2. I rifiuti non recuperabili, dopo aver subito il processo di trattamento, vengono inviati in discarica e depositati nei lotti di conduzione, dove subiscono due ulteriori lavorazioni: la compattazione e la successiva copertura con argilla.
  3. In queste condizioni, il processo di degradazione dei rifiuti genera biogas.
  4. Il biogas viene completamente captato e impiegato per la produzione di energia elettrica.
  5. L’energia prodotta dalla combustione del biogas viene immessa nella rete di distribuzione elettrica

Nel 2021 l’energia elettrica generata è così ripartita:

- presso l’impianto di trattamento sono stati prodotti circa 2,6 Mm³ di biogas e 4,7 GWh GWh di energia elettrica prodotta;

- presso la discarica sono stati prodotti circa 6,6 Mm³ di biogas e 9,3 GWh di energia.

Il polo impiantistico ha ceduto alla rete elettrica 14 GWh di energia.

Sempre a Orvieto, la produzione di energia da fonti rinnovabili avviene anche attraverso un impianto fotovoltaico, di proprietà di Acea Produzione. Nel 2021 non ha generato energia in quanto sottoposto a revamping.

Impianto di Orvieto: dati di sintesi

Area servita: Prevalentemente comuni della provincia di Terni, Umbria e Lazio

35
persone
impiegate
108.361
t/a
Quantità di rifiuti trattati
3.560
t/a
Produzione compost
3,0
MWe
Potenza elettrica installata da biogas
0*
kWe
Potenza elettrica installata da fotovoltaico

*non ha generato energia perchè sottoposto a revamping.

Certificazioni

Per consultare le certificazioni e le dichiarazioni ambientali clicca qui.

Deco

La società è proprietaria di un impianto di trattamento meccanico-biologico (TMB) a Chieti, con una capacità autorizzata di 270.000 tonnellate annue, oltre ad un impianto fotovoltaico, un impianto a biogas e due discariche esaurite o in via di esaurimento.

Ecologica Sangro

La Società gestisce una discarica per rifiuti non pericolosi a Lanciano (CH) con il relativo impianto per la valorizzazione del biogas.

Impianto Bio Ecologia

Nell’ambito delle attività di recupero e di gestione dei rifiuti liquidi, l’Impianto Bio Ecologia di Chiusi effettua un servizio di trattamento di rifiuti urbani e speciali non pericolosi tramite piattaforma multifunzionale attrezzata con processi ad azione chimico-fisica e biologica. Nell’impianto è inoltre assicurato il servizio pubblico essenziale di depurazione di acque reflue urbane tramite trattamento biologico a biomassa sospesa.

Impianto di Chiusi: capacità autorizzata di trattamento di rifiuti liquidi pari a 99.900 t/a.

Acque industriali

La società esegue attività di depurazione di acque reflue industriali e di intermediazione e trattamento di rifiuti liquidi su piattaforme polifunzionali con processi ad azione chimico-fisici, effettuando attività di ricerca e sviluppo nei settori di riferimento, in collaborazione con gli enti di ricerca sia a livello regionale che nazionale.

Gli impianti di Acque Industriali si trovano a Empoli, Pisa, Pontedera e Poggibonsi.

Impianto di Empoli: capacità autorizzata di trattamento di rifiuti liquidi pari a 95.600 t/a

Impianto di Pisa: capacità autorizzata di trattamento di rifiuti liquidi pari a 18.000 t/a

Impianto di Pontedera: capacità autorizzata di trattamento di rifiuti liquidi pari a 86.300 t/a

Impianto di Poggibonsi: capacità autorizzata di trattamento di rifiuti liquidi pari a 53.000 t/a

Berg

Sempre nell’ambito del trattamento di rifiuti industriali, la Società operanell’area industriale di Frosinone effettuando  attività di intermediazione e di trattamento di rifiuti liquidi su  piattaforma polifunzionale  con processi ad azione chimico-fisico, biologico a biomassa sospesa e di concentrazione con sezione di evaporazione sottovuoto.

La capacità massima autorizzata è pari a 143.000 ton/anno di rifiuti liquidi e di 20.000 ton/anno di rifiuti solidi.

Iseco

La società opera nella Regione Valle d’Aosta in due settori di attività

il Settore Acque, le cui attività prevalenti sono:

  • gestione, manutenzione e costruzione di impianti di depurazione acque reflue e di reti fognarie;
  • gestione e manutenzione di impianti tecnici di reti acquedottistiche;
  • intermediazione, trasporto e gestione di rifiuti;

ed il settore Lattiero-caseario, le cui attività prevalenti sono:

  • produzione di siero di latte in polvere e commercializzazione dei relativi prodotti ad uso zootecnico e alimentare; 
  • lavorazione di siero-derivati per conto terzi;
  • manutenzione e costruzione di impianti tecnici per i caseifici.

Le attività sono svolte nello stabilimento industriale di Saint Marcel e in tutti gli impianti di depurazione acque reflue del territorio regionale. 

Impianti per l’ambiente e il trattamento delle acque

Siamo attivi nella progettazione e realizzazione di impianti per l’ambiente e il trattamento delle acque con Simam (Servizi Industriali Manageriali Ambientali), società leader nella progettazione, realizzazione e gestione di impianti per il trattamento delle acque e dei rifiuti, negli interventi ambientali e nelle bonifiche, con soluzioni integrate ad alto contenuto tecnologico.