Comunicati Stampa e News

Il gestore sostituirà i contatori condominiali con quelli singoli, uno per ogni utenza. Prevista anche una valorizzazione del Bonus idrico, destinato ai nuclei familiari in difficoltà economica

Frosinone, 27 novembre 2018 – Acea Ato 5 e Ater, l’Agenzia Territoriale per l’Edilizia Residenziale di Frosinone, hanno firmato oggi un’intesa con lo scopo di migliorare il servizio offerto ai cittadini che vivono negli edifici residenziali pubblici.

All’incontro, presso gli uffici di dell’Ater a via Alcide De Gasperi I, Frosinone, erano presenti il Presidente di Acea Ato 5 Stefano Magini e la dottoressa Nicoletta Paniccia, rappresentante legale dell’Ater e il commissario straordinario dell'ATER Sergio Cippitelli.

L’accordo ha l’obiettivo di migliorare la qualità del servizio idrico agli utenti nelle case popolari e di prevenire e contrastare il fenomeno dell’abusivismo, che riguarda sia l’occupazione degli alloggi pubblici, sia gli allacci al sistema idrico.

In particolare Acea Ato 5 sostituirà i contatori unici con quelli singoli, uno per ogni utenza. I contatori autonomi permetteranno alla società di gestire in modo indipendente le singole utenze e di intervenire direttamente per affrontare problematiche e situazioni di abusivismo o di morosità. Acea Ato 5 si occuperà, inoltre, di aprire un canale di comunicazione dedicato ai residenti degli alloggi Ater e di dare la più ampia informativa possibile al Bonus idrico, a disposizione per le famiglie in difficoltà economica (su richiesta dei cittadini ai propri Comuni di appartenenza).

L’Ater, secondo quanto stabilito nell’accordo, si impegna ad autorizzare il libero accesso ad Acea Ato 5 nelle sue proprietà quando necessario, a rilasciare le certificazioni per gli allacci alle fogne e ad eseguire la manutenzione straordinaria su eventuali impianti di sollevamento idrici installati prima dell’intesa.

“Oggi con questo accordo – ha detto il Presidente di Acea Ato 5 Stefano Magini - si è riusciti a contemperare tre esigenze particolarmente sentite sul territorio: in primis una più corretta gestione del servizio - visto che l’univocità del contatore consente di rispondere esclusivamente della propria utenza e dei propri consumi; la lotta all'abusivismo - infatti solo chi sarà in regola potrà attivare il contratto di fornitura -, ma soprattutto il contrasto al disagio sociale: da oggi, infatti, potremo informare adeguatamente chi ha diritto al Bonus Idrico ma soprattutto adottare, di concerto con Amministrazioni Comunali e Ater, soluzioni personalizzate per chi vive situazioni di reale e forte disagio. Come è già accaduto, tra l’altro, nei giorni scorsi in due casi ben specifici, a Ceccano e a Ceprano. Voglio personalmente ringraziare - conclude Magini - il presidente Sergio Cippitelli che ha fortemente voluto e sponsorizzato questa iniziativa”.

Il Presidente dell’Ater Sergio Cippitelli, ha dichiarato: “Si tratta di un importante lavoro di partnership tra gli enti che, oltre a migliorare l’erogazione del servizio, permetterà di condividere azioni utili per migliorare il disagio sociale in cui vive la maggior parte dei residenti. È l’inizio di un percorso collaborativo a beneficio di tutti gli assegnatari degli alloggi Ater”.