Comunicati Stampa e News

In riferimento all’odierna riunione consiliare dei LL.PP di Roma Capitale, di cui hanno riferito alcuni organi di stampa, Acea intende chiarire che non vi è alcun mistero dietro la scomparsa dei “nasoni”.

Le fontanelle sono rimosse solo in circostanze particolari quali l’esecuzione delle attività di pronto intervento, in caso di incidenti o atti vandalici che compromettono la staticità. I nasoni sono quindi trasferiti presso i magazzini Acea di Monte Mario o Torre Spaccata, e da qui riutilizzati per i lavori di riposizionamento affidati in appalto all’impresa. In questi casi la fontanella resta nel magazzino dell’impresa medesima sino a quando non viene commissionato il lavoro di ripristino.

Da sempre Acea non si limita all’installazione dei nasoni, ma ne cura la manutenzione e l'originalità del design, che li hanno resi nel tempo un dei simboli della capitale nel mondo.

Come consuetudine, i nasoni in fase di restauro saranno riposizionati nella loro sede al completamento dei lavori di recupero.