Comunicati Price Sensitive

L’ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI ACEA SpA:

  • APPROVA IL BILANCIO 2014

  • APPROVA LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO PARI A 0,45 EURO PER AZIONE

  • APPROVA L’AMPLIAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DA 7 A 9 MEMBRI E NOMINA 2 CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE

    Roma, 23 aprile 2015 – L’Assemblea degli Azionisti di Acea SpA, riunitasi in data odierna in prima convocazione, ha approvato il Bilancio d’esercizio e ha presentato il Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014, che evidenzia un utile netto, dopo le attribuzioni a terzi, di 162,5 milioni di Euro.

     

    BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014

    Il positivo contributo di tutte le aree di business e della Corporate, nonché le misure intraprese in termini di efficientamento della gestione, hanno consentito nel 2014 un incremento del Margine Operativo Lordo (EBITDA), che passa da 675,4 milioni di Euro a 717,7 milioni di Euro (+6,3%), in un contesto economico ancora caratterizzato da notevoli criticità.

    Il Risultato Operativo (EBIT) consolidato, pari a 390,4 milioni di Euro, segna un aumento (+7,5%) rispetto ai 363,2 milioni di Euro registrati nel 2013.

    L’utile netto, dopo le attribuzioni a terzi, aumenta del 14,4% a 162,5 milioni di Euro. Tale positivo risultato incorpora l’impatto negativo dell’onere di 17 milioni di Euro derivante dal ricalcolo dell’imposizione differita sull’addizionale IRES (Robin Tax). Al netto di tale onere, l’utile del Gruppo avrebbe registrato una crescita superiore al 26%.

    Nel corso del 2014, Acea ha realizzato investimenti per 318,5 milioni di Euro (268,6 milioni di Euro nel 2013), ripartiti nel seguente modo: Idrico 148,9 milioni di Euro; Reti 122,4 milioni di Euro; Energia 19,7 milioni di Euro; Ambiente 13,3 milioni di Euro; Capogruppo 14,2 milioni di Euro.

L’Indebitamento Finanziario Netto al 31 dicembre 2014, pari a 2.089,1milioni di Euro, si riduce rispetto al 30 settembre 2014 (- 322,9 milioni di Euro) e rispetto al 31 dicembre 2013 (- 159,5 milioni di Euro). Tale flessione riflette gli effetti positivi dell’attuale gestione del capitale circolante (che diminuisce di oltre 185 milioni di Euro), particolarmente significativi nell’ultimo trimestre dell’anno, anche per effetto delle fatturazioni dei conguagli pregressi dell’Area Idrico (fatturazione iniziata dal 1° luglio) nonché per i recuperi di fatturazione di Acea Energia.

Il rapporto Indebitamento Finanziario Netto/EBITDA si riduce da 3,3x del 2013 a 2,9x a fine 2014.


Per visualizzare il testo integrale apri il pdf allegato