Novità e Avvisi

Come noto la Legge di bilancio 2018 ha previsto con decorrenza 1° Gennaio 2019 l’obbligo della fatturazione elettronica per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizio anche tra privati.

Sono esclusi da tale obbligo le seguenti categorie di contribuenti/fornitori:

1. contribuenti nel regime dei minimi- di cui all’art. 27 co. 1e2 del DL98/2011;

2. contribuenti nel regime forfettario di cui all’art. 1 co.54-89 della L.190/2014;

3. fornitori esteri (soggetti terzi con residenza fiscale estera)

4. agricoltori in regime speciale- art. 34 co.6 Dpr 633/72.

Questi soggetti sono tenuti ad emettere le fatture in formato cartaceo nel rispetto della normativa fiscale vigente compilando tutti i campi obbligatori previsti, che potranno trasmettere alle Società del Gruppo Acea elencate in calce, nelle seguenti modalità:

  • inoltro tramite casella postale Protocollo.Generale@aceaspa.it
  • spedizione tramite raccomandata all’indirizzo di Piazzale Ostiense, 2 – 00154 ROMA
  • consegna diretta all’Ufficio Protocollo Generale sito in Roma – Piazzale Ostiense, 2

In tal caso, ai fini della decorrenza dei termini di pagamento, farà fede la data del protocollo fattura apposta da ACEA. Allo scopo di agevolare il processo di liquidazione delle fatture cartacee Acea e le Società controllate richiedono l’inserimento dei seguenti dati, alcuni dei quali richiamati nei contratti:

  • il numero del contratto di riferimento (Ordine di Acquisto)
  • il codice numerico dell’Entrata Merci
  • il numero CIG (Codice identificativo gara), ove applicabile
  • l’indicazione di soggetto a ritenuta di acconto/cassa previdenza
  • l’indicazione dei riferimenti normativi fiscali per i soggetti in regime di minimi e forfettari.

Informiamo inoltre che ai fini del pagamento occorre indicare in fattura l’IBAN di riferimento. In caso di Ordini di Acquisto assoggettati alla normativa sulla tracciabilità dei flussi finanziari (ordini in cui è presente il codice CIG) è richiesto di compilare il modulo “comunicazione conto corrente dedicato” che alleghiamo. In ogni caso è necessario comunicare l’IBAN contestualmente all’accettazione dell’Ordine all’Unità Qualifica Fornitori alla seguente casella di posta elettronica: anagrafica.banche@pec.aceaspa.it ; la comunicazione dovrà essere corredata da documentazione atta a comprovare la riconducibilità dell’IBAN al fornitore.

Per qualsiasi chiarimento invitiamo a contattare il Gestore del Contratto ovvero il richiedente prestazione / stazione appaltante i cui riferimenti sono rintracciabili nell’Ordine stesso.

Per leggere il testo integrale scaricare il pdf allegato.